Portanza pavimentazioni

La valutazione della portanza delle pavimentazioni aeroportuali è innanzitutto un’analisi essenziale ai fini della sicurezza, ma allo stesso tempo si rivela un’attività di monitoraggio utile a consentire di pianificare interventi di manutenzione prima che i fenomeni di ammaloramento costringano alla chiusura al traffico di aree operative, con conseguenti grossi costi diretti ed indiretti.

Essa viene eseguita attraverso una combinazione di prove non distruttive, anche in funzione della quantità e qualità dei dati disponibili. Laddove non vi sia certezza circa la composizione e gli spessori delle pavimentazioni esistenti, sarà necessario determinare le stesse con rilievi Georadar, di solito uniti a carotaggi a campione. Una volta noti materiali e spessori è possibile effettuare prove di carico dinamiche, in genere con HWD. Queste sono mirate alla valutazione dei moduli elastici necessari alla determinazione, tra l’altro, della vita utile residua.

boeing-777-300_chassis_

Un dato importante ai fini della codifica della portanza è il PCN (Pavement Classification Number), impiegato quale standard ICAO per la pubblicazione della portanza delle pavimentazioni su AIP. Il dato viene anche utlizzato per ottenere una valutazione di massima della possibile operatività di un certo aeromobile (in modo regolare) sulla pavimentazione. Ciò è ottenuto dal confronto tra il PCN e l’ACN (Aircraft Classification Number), relativo alla specifica pavimentazione.

Le prove non distruttive ripetute con una frequenza proporzionale al traffico sono un elemento centrale anche per la corretta implementazione di un Pavement Management System (PMS).

Air Alliance offre un serivizio di consulenza completa per i rilievi e per la realizzazione del PMS.

Maggiori informazioni sui nostri servizi per progettazione e valutazione delle pavimentazioni aeroportuali nella presentazione:

 

I nostri Partner

Social